Trading System di Trading Online Italia

Borsa notizie del 12/01/2016

Borsa - Borsa Notizie

Piazza Affari: chiusura in negativo dopo una seduta molto volatile. Bene settore lusso

Piazza Affari ha chiuso in moderato ribasso una seduta volatile, azzerando i guadagni nel finale di seduta complice il debole andamento di Wall Street. In mattinata l’indice Ftse Mib, nonostante il nuovo crollo della Borsa di Shanghai (indice Composite -5,33%), aveva toccato un massimo intraday a 20.110 punti. La Cina continua comunque a spaventare i mercati, così come successo lo scorso agosto, con gli investitori che guardano con timore alla prospettiva di un anno difficile per i mercati azionari a livello globale. L'inizio danno difficile per i listini azionari, dettato dal forte calo delle azioni cinesi e le nuove svalutazioni dello yuan, è stato accompagnato da un forte calo del prezzo del petrolio che ha proseguito la sua parabola ribassista. In questo quadro a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha chiuso con un ribasso dello 0,31% a 19.807 punti. Tra le banche ha fatto rumore il tonfo di Montepaschi (-11,27%) che per la prima volta è scivolata sotto 1 euro. Il titolo della banca senese ha toccato un minimo storico a 0,9255 euro. Gli acquisti hanno invece premiato Popolare di Milano (+1,66% a 0,8275 euro), Ubi Banca (+1,10% a 5,5100 euro) e Unicredit (+0,13% a 4,68 euro). Dopo aver sofferto nelle scorse sedute in scia ai timori legati alla Cina, nel lusso gli acquisti sono stati copiosi su Moncler (+1,70% a 12,56 euro) e Salvatore Ferragamo (+3,20% a 20,63 euro). Andamento negativo per FCA e Ferrari. Il titolo della casa di Maranello, che venerdì aveva indossato la maglia nera sul Ftse Mib con un tonfo di circa 6 punti percentuali, ha ceduto il 3,01% a 39,32 euro. Ferrari aveva iniziato lunedì 4 gennaio la sua avventura a Piazza Affari a quota 43 euro. Seduta moderatamente negativa invece per FCA (-0,41% a 7,3250 euro) con Sergio Marchionne che, dal Salone di Detroit, ha fatto sapere che nel 2015 il Lingotto ha conseguito u n risultato eccezionale.

Borse europee ancora in rosso, BAE Systems e Thales in controtendenza

Avvio di ottava all’insegna della debolezza per i listini europei. Nonostante il -7% registrato nella scorsa ottava, fallisce il rimbalzo delle piazze finanziarie del vecchio continente, penalizzate dal -5,29% dello Shanghai Composite e dalla conseguente nuova ondata di vendite sulle materie prime (-5% per il Brent a 32,2$/barile). Chiusura in rosso di un quarto di punto percentuale per il Dax (-0,25% a 9.825,07 punti) e l’Ibex (-0,26% a 8.886,1) mentre il Cac40 è sceso dello 0,49% a 4.312,74. -0,69% per il Fse100 che si è fermato a 5.871,83 punti. A livello di singole performance denaro su BAE Systems e Thales (+1,73 e +3,65%) in scia dell’overweight di JPMorgan e +1,03% di Air France-KLM che secondo la testata “Les Echos” starebbe per alzare il velo su un nuovo piano di crescita.

Wall Street, chiusura mista per i listini Usa

A Wall Street ha dominato l'incertezza nella prima seduta della settimana che si è conclusa contrastata per i listini statunitensi. A New York, l'indice Dow Jones e l'S&P 500 sono riusciti a strappare nel finale un segno positivo rispettivamente a 16398,57 punti (+0,32%) e a 1923,67 punti (+0,09%), mentre il Nasdaq ha archiviato la seduta in calo dello 0,12% a 4637,99 punti.

Borsa di Tokyo chiude in forte calo, -2,71% per il Nikkei

Chiusura in deciso calo per la Borsa di Tokyo. L'indice Nikkei ha chiuso la giornata in ribasso del 2,71% a 17218,96 punti (minimi dallo scorso settembre). A condizionare le performance della Piazza finanziaria asiatica le preoccupazioni legate all'economia cinese, oltre al tonfo, l'ennesimo, registrato dalle quotazioni del petrolio.

Europa, oggi la produzione industriale in UK

L'agenda odierna vede in primo piano i dati sulla produzione industriale britannica, attesa in risalita a +0,1% m/m a novembre dopo il -0,4% precedente. In arrivo anche le nuove previsioni del Niesr sul Pil della gran Bretagna. Nella notte infine è atteso il discorso del presidente americano Barack Obama sullo stato dell'Unione, da cui potranno scaturire alcuni spunti sulla situazione economica del Paese.

Mps: Consob vieta temporaneamente le vendite allo scoperto sul titolo

La Consob ha deciso di vietare temporaneamente le vendite allo scoperto sul titolo Banca MPS. Il divieto è stato adottato in applicazione dell’articolo 23 del Regolamento comunitario in materia di “Short Selling”, tenuto conto della variazione di prezzo registrata dal titolo nella giornata dell’11 gennaio 2016 (superiore alla soglia del 10%). Il provvedimento sarà in vigore nella seduta borsistica di martedì 12 gennaio sul mercato MTA di Borsa Italiana. Il divieto riguarda le vendite allo scoperto assistite dalla disponibilità dei titoli. "Con ciò viene estesa e rafforzata la portata del divieto di vendite allo scoperto nude, già in vigore per tutti i titoli azionari dal primo novembre 2012 in virtù del Regolamento comunitario in materia di Short Selling”, conclude la Consob.

Petrolio ancora a picco, Wti sotto soglia 31 dollari al barile

Nuovo strappo al ribasso del petrolio dopo il tonfo di oltre il 6% della vigilia. Questa mattina le quotazioni del Wti a New York segnano un calo di oltre 2 punti e mezzo percentuale in area 30,61 dollari al barile, sui nuovi minimi a circa 12 anni. Discesa sotto quota 31 dollari anche per il Brent. Il calo del prezzo del petrolio è stato accompagnato da nuove indicazioni ribassiste da parte degli analisti. In particolare Morgan Stanley vede un ulteriore crollo dei prezzi fino a 20 dollari al barile, mentre Guggenheim vede il greggio scendere in area 25 dollari al barile.

Giappone: fiducia consumatori batte le attese a dicembre

In Giappone l'indice che misura la fiducia dei consumatori è migliorato a dicembre, attestandosi a 42,7 punti dai 42,6 punti della passata rilevazione. Le attese erano per un dato pari a 42,5 punti.

Fonte: Brown Editore

Rendimenti Segnali Operativi

TOI Trading System - Richiedi Prova Gratuita

Potrai operare coi nostri modelli di gestione su

Futures, Azioni Italia, ETF su Indici Europei ed Euro Dollaro.

Specificare: Nome e Cognome, Telefono e Servizio desiderato.

0422.382534 - 349.3270326 - info@trading-online-italia.it


Prova Segnali Trading

Sei un operatore istituzionale o un trader privato?

Inizia ad operare come i Traders di successo servendoti dei loro modelli di gestione!

1 - Scegli il mercato desiderato
2 - Richiedici l'Attivazione gratuita
3 - Utilizza i segnali in modalità demo e reale

Uffcio: 0422.382534
Mobile: 349.3270326
Mail: info@trading-online-italia.it

Login Abbonati

QUOTAZIONE INDICI

opzioni.